NEWS
Fiat: finalmente buone notizie per l'Italia
31-10-2012

Si è svolto, nella giornata di ieri, l’incontro già da tempo programmato tra la FIAT e le organizzazioni sindacali firmatarie del C.C.S.L. L’incontro a cui hanno partecipato Lamberto Borgogni e Francesco Scandale, rispettivamente Presidente e Segretario Generale dell’AQCF, rivestiva una particolare importanza soprattutto per  le preoccupazioni legate al futuro degli stabilimenti italiani. Nel corso dell’incontro l’Amministratore Delegato dr. Sergio Marchionne, ha informato sulle strategie complessive della FIAT per i prossimi anni e, in particolare, le iniziative che saranno intraprese in Italia ed in Europa.


In particolare è stato presentato il programma di investimenti che prevede l’uscita di 17 nuovi modelli entro il 2016, di cui 3 già a partire dal prossimo anno con l’obiettivo principale di riposizionare la FIAT nel mercato automobilistico europeo e mondiale puntando soprattutto su autovetture di alta gamma.


In conseguenza di questa decisione tutti gli stabilimenti italiani saranno impegnati nella produzione, e alcuni di essi contribuiranno a soddisfare la domanda che perverrà dai mercati extraeuropei. Il programma di investimenti negli stabilimenti italiani partirà da quello di Melfi a cui sarà affidata la missione produttiva del mini suv e del cuv.


Inoltre, particolare importanza riveste la creazione, a Mirafiori e Grugliasco del polo del lusso, per la produzione di una famiglia di vetture di alta gamma destinata ai mercati europei e internazionali. A questo riguardo è stato specificato che le prime vetture, a marchio Maserati sono prossime al lancio, mentre per Mirafiori, l’uscita della prima vettura è prevista per il 2014 e per la quale, i relativi  investimenti partiranno a breve. Nello stabilimento di Cassino saranno prodotte le nuove ammiraglie Alfa Romeo.


A giudizio dell’AQCF il piano presentato, che sconta nei tempi di realizzazione le perduranti difficoltà del mercato automobilistico in Europa e, in modo ancora più grave in Italia, deve essere apprezzato per la chiarezza e l’ambizione degli obiettivi che si prefigge ai quali è indissolubilmente legato il futuro degli stabilimenti italiani e la salvaguardia della occupazione complessiva dell’Azienda.


Il programma di investimenti della FIAT, infine, spazzando via tutte le polemiche, le riserve e le perplessità, fuorvianti, strumentali e interessate, che sono state sollevate, anche da soggetti che dovrebbero avere come loro principale obiettivo la difesa del lavoro e dei lavoratori, consente di aprire una nuova stagione di coinvolgimento e di responsabilità, a cui tutte le componenti aziendali saranno chiamate e alla quale l’AQCF intende partecipare attivamente.


Così come, più in generale non dovrà mancare il sostegno delle Istituzioni e del Governo, attraverso l’adozione di quei provvedimenti a sostegno degli investimenti, della produzione e dell’esportazione, che non possono più restare nel limbo delle buone intenzioni ma che debbono diventare norme di legge di immediata applicazione.

ALTRE NEWS
Il Fasif per i quiescenti: errata corrige
14-12-2012
Nel numero di dicembre della rivista ANQUI WORLD è stata pubblicata una notizia errata nell'articolo intitolato "Un nuovo fondo per tutti i dipendenti Fiat", a pagina 10. L'informazione sbagliata è stata riportata nel box dedicato al Fasif per i quiescenti.
Rinnovo dei Contratti metalmeccanico e FIAT
30-11-2012
Con l'avvicinarsi del mese di dicembre si entra nel vivo della discussione.
Paga sempre e solo il ceto medio
16-11-2012
Anche la legge di stabilità, in via di approvazione a colpi di voti di fiducia in Parlamento, si è trasformata nell'ennesima occasione per continuare ad addossare alla categoria dei Quadri e dei Professional sia gli oneri maggiori del risanamento dei conti pubblici sia i costi impropri causati dagli errori del Governo nella sua frettolosa riforma delle pensioni.

Io Anqui
Area riservata
agli iscritti

Accedi
© 2018 - ANQUI - P.IVA 06420480011 - Note Legali - Cookie policy - youhost www.youhost.it